Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

NOTIZIE

Uno ad uno, per un motivo o per l’altro, dall’ATS se ne stanno andando tutti i dirigenti. ATS: DARE LA COLPA AGLI ALTRI NON È UNA STRATEGIA DI USCITA DALLE DIFFICOLTÀ; COSÌ SI INDEBOLISCE L’AGENZIA.

on .

Arriva oggi la notizia che un altro dei dirigenti ATS lascia il suo posto. Stavolta è il turno del Direttore del Dipartimento Cure Primarie, dipartimento che ha la responsabilità di gestione dei Medici di Medicina Generale, professionista che aveva da poco ricevuto pubbliche attestazioni di stima da parte della categoria.

SIGLATO IL PROTOCOLLO DI SICUREZZA COVID-19 PER IL PERSONALE DEGLI ENTI LOCALI. Pusceddu (FP CGIL): “Lo smart working esce dall’emergenza, per maggiore sicurezza e ritmi di vita più sostenibili”

on .

È stato firmato il protocollo sicurezza regionale per il personale degli enti locali nella nuova fase dell’emergenza covid-19: il documento prevede una serie di misure per prevenire il contagio a protezione dei lavoratori e del pubblico anche attraverso il potenziamento dello smart working e, di conseguenza, la digitalizzazione degli uffici e delle procedure. Il protocollo, che è frutto di un accordo tra Anci Lombardia, Unione delle Province Lombarde, Funzione Pubblica CGIL, CISL FP e UIL FPL.

COLLABORATORI SPORTIVI, RIPARTE LO SPORT MA SENZA DIRITTI. Chiesa (Nidil CGIL): “L’assenza di tutele mette a rischio i lavoratori e gli utenti”

on .

Dal primo giugno anche in Lombardia le palestre e gli impianti sportivi hanno ripreso l’attività, dopo la pausa forzata dovuta all’emergenza coronavirus. Non cambia però la difficile situazione in cui sono costretti molti dei lavoratori del settore: i collaboratori sportivi sono infatti ancora legati a un contratto che non garantisce le tutele minime, dalla malattia al versamento dei contributi previdenziali.

BERGAMO CITTÀ MARTIRE ANCHE PER IL LAVORO. CON 25 MORTI BIANCHE DA COVID PAGA IL PREZZO PIÙ ALTO A LIVELLO NAZIONALE

on .

CHIARI (responsabile salute sicurezza CGIL Bergamo), ROSSI (segretario provinciale FP CGIL Bergamo): “Questa è la conferma di quello che abbiamo denunciato dall’inizio: le condizioni assolutamente precarie, quasi a mani nude, con le quali gli operatori della sanità, dell’assistenza e delle case di riposo hanno dovuto affrontare l’emergenza dell’epidemia”.

Altri articoli...