Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

MARKAS, REVOCATO SCIOPERO NELLE MENSE DEGLI OSPEDALI DI ROMANO E TREVIGLIO DOPO L'INCONTRO CON ASST BERGAMO OVEST E AZIENDA

on .

È stato revocato lo sciopero delle dipendenti di Markas SRL al lavoro nella ristorazione degli ospedali di Romano e Treviglio: sembra esserci nuova fiducia nella trattativa dopo l’incontro che oggi è stato organizzato dalla direzione dell’ASST Bergamo Ovest e a cui hanno partecipato i sindacalisti di FILCAMS-CGIL e FISASCAT-CISL di Bergamo e i rappresentanti della SRL.

Ricordiamo che la società ha ottenuto l’appalto del servizio mensa e, nonostante l’aumento del capitolato, ha deciso unilateralmente di tagliare  l'orario di lavoro del 22% a tutte le 60 dipendenti in servizio nei due ospedali.

“I rappresentanti dell’ASST Bergamo Ovest hanno mantenuto l’impegno preso, così, questa mattina, insieme al direttore generale Peter Assembergs e a Vincenzo Ciamponi, direttore ammnistrativo dell’azienda ospedaliera, abbiamo potuto incontrare la direzione di Markas” hanno riferito oggi pomeriggio Aronne Mangili di FILCAMS-CGIL e Claudia Belotti di FISASCAT-CISL provinciali. “L’ASST ha ribadito che il servizio mensa è fondamentale, per questo, noi pensiamo, Markas dovrà ora impegnarsi a trovare una soluzione a un problema che lei stessa ha creato. Abbiamo deciso di revocare lo sciopero inizialmente indetto per giovedì proprio in ragione del tavolo di confronto finalmente aperto e delle rassicurazioni che Markas ha avanzato. Siamo comunque pronti a riaprire la mobilitazione nel caso in cui, dalle parole, non si arrivi a fatti concreti, utili a ridare alle lavoratrici sicurezza e prospettive di lavoro”.

La modifica unilaterale all’orario di lavoro introdotta da Markas produce un calo di un quarto degli stipendi e allunga ulteriormente il periodo di lavoro necessario per arrivare “all'anno contributivo” nel conteggio della pensione.