Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

FUNZIONE PUBBLICA CGIL, DOPO LE ELEZIONI IL SINDACATO SCRIVE AI SINDACI NEOELETTI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO. “Più attenzione per le assunzioni, siano al centro degli obiettivi amministrativi dei prossimi anni”

on .

Dal 2009 al 2017 i Comuni bergamaschi hanno visto ridurre il loro personale di circa il 13%, tanto che “è diventata un’impresa erogare i servizi più essenziali”. Nella nostra provincia è al lavoro, in media, un dipendente ogni 255 abitanti contro una media lombarda di uno ogni 186 e una media nazionale di uno ogni 183.

Di carenza degli organici e della necessità di provvedere a nuove assunzioni parla la lettera inviata in queste ore dalla FP-CGIL ai sindaci neoeletti della provincia di Bergamo.
Ecco di seguito il testo integrale, firmato da Roberto Rossi e Dino Pusceddu della FP-CGIL Bergamo.

Egregio Sindaco,

a pochi giorni dalla Sua elezione le scriviamo a nome della Funzione Pubblica CGIL di Bergamo per congratularci del Suo nuovo incarico.
Come saprà, la FP-CGIL rappresenta e tutela i dipendenti dei Comuni ed è presente, in ogni singolo Ente, quale soggetto titolato alla contrattazione secondo i principi definiti dal Testo Unico del Pubblico Impiego concorrendo ad assicurare “adeguati livelli di efficienza e produttività dei servizi pubblici, incentivando l'impegno e la qualità della performance”.
Siamo convinti che un’efficace azione amministrativa e l’erogazione di servizi di qualità non possano prescindere dalla soddisfazione del personale dipendente del Suo Comune che, quotidianamente agisce nel rispetto dei principi di buon funzionamento e imparzialità dell’azione amministrativa.

In questi anni, però, le Leggi di Bilancio e le norme di contenimento della spesa hanno reso sempre più difficile l’erogazione dei servizi a fronte dell’impossibilità totale di sostituzione del personale cessato, comportando un appesantimento delle mansioni conferite ad ogni singolo dipendente e un aggravio della spesa corrente nonostante la diminuzione delle spese per il personale dipendente nei bilanci comunali.

I dati, facilmente rilevabili dall’analisi annuale della Ragioneria dello Stato, sono impietosi e dimostrano chiaramente l’efficienza degli Enti Locali in provincia di Bergamo: dal 2009 al 2017 i Comuni bergamaschi hanno visto ridurre il proprio personale del 12,95% nonostante siano incrementate le incombenze in carico ai servizi comunali. Le amministrazioni locali bergamasche sono sempre partite da una situazione di deficit di personale non solo in confronto alla media regionale ma anche alla media nazionale. In provincia di Bergamo è in servizio di media un dipendente ogni 255 abitanti contro una media lombarda di un dipendente ogni 186 abitanti ed una media nazionale di un dipendente ogni 183. Per gli Enti Locali, con questo personale, è diventata un’impresa erogare anche i servizi più essenziali.

Per questo è necessario aumentare l’attenzione verso le assunzioni ponendola al centro degli obiettivi amministrativi dei prossimi anni: ogni atto, ogni progetto e ogni azione che la Sua Amministrazione vorrà portare avanti nei prossimi anni avrà bisogno di professionalità capaci di portarle avanti.
Sicuri di una proficua collaborazione, cogliamo l’occasione per rinnovare gli auguri di buon lavoro.