Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

ELFRAMO DI BERGAMO, VENERDI' 31 MAGGIO IL TERZO SCIOPERO CONTRO I 4 LICENZIAMENTI ANNUNCIATI UNA SETTIMANA FA

on .

Altre due ore di sciopero sono state proclamate per oggi, 31 maggio, alle Elframo spa di Bergamo, dove quattro lavoratori, tutti impiegati, sono stati licenziati il 23 maggio scorso. La nuova mobilitazione è stata decisa durante un’assemblea che si è tenuta ieri.

“Resta alta la partecipazione alla protesta” ha commentato poco fa Vittorio Tornaghi della FIOM-CGIL provinciale. “Anche oggi praticamente tutti sono usciti dai cancelli. Evidentemente i lavoratori condividono con noi la necessità di salvaguardare questi posti di lavoro”.

Nella giornata di martedì si era svolto il confronto tra sindacati e rappresentanti aziendali, a seguito del quale la FIOM-CGIL aveva parlato di un “una, pur piccola, apertura dell’azienda su uno dei quattro licenziamenti, uno spiraglio da tenere aperto, che tuttavia non consideriamo sufficiente”.

Prima dell’astensione dal lavoro di oggi, nell’azienda metalmeccanica che produce lavastoviglie, friggitrici e macchinari da cucina, la protesta proclamata da FIOM-CGIL e FIM-CISL aveva già portato i circa 80 dipendenti a svolgere due scioperi il 24 e il 27 maggio.

La decisione di Elframo ha sorpreso e amareggiato tutti. Non molto tempo prima dell’annuncio dei licenziamenti, infatti, si era tenuto un incontro durante il quale non era stata comunicata al sindacato alcuna intenzione di procedere a licenziamenti.