Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

Stampa

IMEQUADRI DUESTELLE DI URGNANO: TRE GIORNI DI SCIOPERO CONTRO LA ROTTURA DELLE TRATTATIVE PER IL RINNOVO DELL’INTEGRATIVO (foto)

on .

Da un anno si attendeva il rinnovo del Contratto integrativo aziendale, ma a un passo dalla firma la trattativa è saltata: è accaduto alla Imequadri Duestelle spa di Urgnano, dove sia ieri che oggi (per due ore a fine turno) i lavoratori hanno incrociato le braccia in scioperi partecipatissimi. Per domani, 7 luglio, è già stata proclamata una terza mobilitazione, questa volta per tutta la giornata.

“L’adesione alla protesta, sia ieri che oggi, è stata del 90% tra impiegati e operai” ha commentato poco fa Vittorio Tornaghi della FIOM-CGIL di Bergamo. “L’azienda, che produce apparecchiature e quadri elettrici e che impiega circa 80 lavoratori, lo scorso anno su consiglio di Confindustria aveva voluto posticipare la trattativa al periodo successivo alla firma del Contratto nazionale, avvenuta poi a novembre. A dicembre, dunque, abbiamo cominciato il confronto che a giugno sembrava arrivato a un passo dall’accordo. Poi, però, nell’ultimo incontro, l’azienda ha voluto aggiungere al testo dell’intesa un nuovo parametro per l’ottenimento del Premio di risultato che prima non esisteva. Secondo le nostre stime, la novità avrebbe reso altamente improbabile se non quasi impossibile l’erogazione del Premio. Così abbiamo rigettato la proposta”.

IMIQUADRI1

Nella sede di Confindustria, due giorni fa, martedì 4 luglio, le parti si sono riunite nuovamente: “Le posizioni dell’azienda non sono cambiate, la direzione ha confermato quasi nelle stesse modalità il parametro aggiuntivo” prosegue Tornaghi. “Al riguardo la contrarietà dei lavoratori è ormai chiara, e dopo questi tre giorni di sciopero ci aspettiamo di essere richiamati per proseguire la discussione senza i paletti così rigidi posti dall’azienda”.