Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

RSA LOMBARDE, UNA RACCOLTA FIRME PER CAMBIARE. I sindacati: "Il ricovero nelle residenze assistite sia scelta libera per vivere con serenità la vecchiaia"

on .

“Una scelta vera e libera, per vivere serenamente la vecchiaia, e non un percorso determinato dalla mancanza di alternative”: questo, per un anziano, dovrebbe significare il ricovero in RSA. Ne sono convinti i tre segretari generali dei sindacati dei pensionati di Bergamo, Augusta Passera di SPI-CGIL, Caterina Delasa FNP-CISL ed Emanuele Dalfino di UILP-UIL.

VACCINAZIONE IN AZIENDA, LA NOTA DELLA CGIL DI BERGAMO. "Decisione importante, ma nel rispetto del piano nazionale e senza lavoratori di serie A e di serie B"

on .

È stato sottoscritto ieri sera tra Governo, CGIL, CISL e UIL e parti datoriali il Protocollo nazionale per la realizzazione dei piani aziendali finalizzati all’attivazione di punti straordinari di vaccinazione anti SARS-CoV-2/Covid-19 nei luoghi di lavoro: “Un’intesa significativa e importante che può offrire un contributo decisivo in termini di tempi e numero di persone coinvolte alla campagna di vaccinazione in corso nel nostro Paese che, come sappiamo, in Lombardia ha incontrato più di un ostacolo” commentano Angelo Chiari e Orazio Amboni della CGIL di Bergamo.
“L’accordo per le somministrazioni in azienda dovrà trovare attuazione nel pieno rispetto delle priorità definite dal Piano strategico nazionale di vaccinazione, senza che vengano avanzate richieste anacronistiche e inique di priorità per categorie né per gruppi di interesse” proseguono i due sindacalisti.

La richiesta all'INPS. ACCESSIBILITÀ AI PROPRI CEDOLINI DI PENSIONE. SPI-CGIL Bergamo: "I pensionati siano messi in grado di vedere i dettagli dei trattamenti che li riguardano"

on .

Sono passati sei anni da quando l’INPS ha deciso di sopprimere le comunicazioni cartacee con cui si inviavano ai pensionati i dati delle loro prestazioni pensionistiche e di rendere accessibili questi dettagli, con gli altri servizi, solo online.
Il numero dei pensionati che accedono a queste informazioni essenziali dal sito dell’Istituto dopo rilascio di apposito PIN, però, è basso: “In tutt’Italia solo 4,5 milioni su 16 milioni usano il PIN INPS, secondo i dati che ci sono stati forniti dall’Istituto nel settembre 2020” spiega oggi Marcello Gibellini dello SPI-CGIL di Bergamo e presidente del Comitato provinciale INPS in qualità di rappresentanti delle parti sociali. “Dunque quasi 12 milioni di pensionati non riescono ad accedere ai propri cedolini e a controllare importi ed eventuali variazioni delle loro pensioni”.

L'IMPATTO NELLA PANDEMIA NEI RAPPORTI SOCIALI E NEL LAVORO. le profonde differenze tra la prima e la seconda ondata e le prospetive per i prossimi mesi

on .

Assemblea generale e attivo dei delegati
Mercoledì 24 marzo 2021 | ore 10-12
Introduce
Gianni Peracchi, segretario generale CGIL Bergamo
Intervengono
Nando Pagnoncelli, presidente IPSOS Italia
Gaetano Sateriale, presidente associazione Nuove Rigenerazioni
Per poter partecipare contatta la Segreteria della CGIL di Bergamo (tel. 035.3594119, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.).
Ricordiamo che il numero dei posti è limitato

SCARICA QUI LA LOCANDINA

Altri articoli...