Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

TRASPARENZA E LISTE D’ATTESA AL PAPA GIOVANNI XXIII. I CONTI NON TORNANO E, INTANTO, I CITTADINI PAGANO| Lettera aperta ai responsabili dell’Azienda Ospedaliera Papa Giovanni XXIII, ASL, Assessorato regionale alla Sanità

on .

Gentili Direttore Generale del "Papa Giovanni XXIII", Direttore Generale ASL provincia di Bergamo; Assessore regionale alla Sanità, Federconsumatori Bergamo segnala alla Vostra cortese attenzione quanto siano inaffidabili le informazioni fornite ai Cittadini in tema di liste d'attesa, per prestazioni specialistiche, dichiarate dall'Ospedale Papa Giovanni XXIII.
Oggi abbiamo potuto verificare la differenza tra quanto dichiarato sul sito (sotto la voce "trasparenza") sui tempi d'attesa per una visita cardiologica e la realtà. Sul sito si legge che il tempo medio per una visita di controllo è di 91 giorni: allo sportello, dove il cittadino, convinto di essere visitato entro un termine di c.a. 90 giorni, si deve rivolgere per prenotare la prestazione rifiutano di accettare la prenotazione sino all'anno 2015 in quanto non c'è disponibilità.
Alcune domande sono doverose:

  • dov'è la trasparenza (obbligatoria per Legge) se viene dichiarato un tempo d'attesa mentre nella realtà è tutt'altro?
  • perché non si accettano prenotazioni anche oltre la fine dell'anno in corso?
  • come possono essere conteggiati i tempi d'attesa reali se non si accettano le prenotazioni?
  • quanto percepisce la struttura ospedaliera per ogni visita privata effettuata "intramoenia"?
  • dato che le disponibilità dei Professionisti del settore è tale da rendere possibile una visita entro 2/3 giorni dalla richiesta, cosa osta a modificare, ampliandolo, il tempo dedicato alle visite che rientrano nel sistema sanitario nazionale?

Il fatto che l'Ospedale Papa Giovanni XXIII offra prestazioni d'eccellenza non giustifica un comportamento come quello descritto: che tali comportamenti "sfuggano" a chi dovrebbe vigilare sul rispetto delle regole non depone a favore degli Enti di controllo e indirizzo.
Fiduciosi in risposte esaurienti porgiamo cordiali saluti.