Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

MANUTENZIONE OBBLIGATORIA DEGLI IMPIANTI TERMICI| Quanto ci costi? Dalle Associazioni di Categoria Imprenditoriali CNA, Confartigianato, LIA , UAB e Associazione Gruppo Professional nessuna disponibilità al confronto

on .

Dopo un primo incontro svoltosi presso la sede della Provincia tra: associazioni di tutela dei Consumatori; responsabili del Comune; responsabili della Provincia dei controlli sugli impianti termici, e una nutrita rappresentanza di Associazioni dei manutentori che su tali impianti intervengono per eseguire le dovute revisioni (incontro durante il quale è stata fatta chiarezza sui costi che taluni manutentori stanno applicando con estrema disinvoltura per la compilazione e la fornitura del nuovo libretto d'impianto), mercoledì 3 c.m. si doveva riprendere il confronto per parlare della cosa più importante: il prezzo richiesto per fare la manutenzione delle caldaie di potenza inferiore ai 35 KW: ossia la maggioranza degli impianti che forniscono calore agli appartamenti con riscaldamento autonomo.
A questo appuntamento, nonostante avessimo concordato data, ora e luogo dell'incontro, i rappresentanti dei manutentori non si sono presentati invocando un presunto incontro che i loro referenti regionali potrebbero avere con l'Assessore all'ambiente della Lombardia.
Sull'argomento "costi" è intervenuto anche il Consiglio regionale Lombardo auspicando, all'unanimità, l'introduzione di tariffe calmierate per immobili dotati di 2 o più generatori di calore per le operazioni di controllo delle caldaie con potenza inferiore a 35 KW
Ma ormai siamo al paradosso: secondo i rappresentanti dei manutentori, "liberisti" a senso unico, il solo cercare di calmierare i prezzi necessari per adempiere ad una norma di Legge, ponendo un tetto alle tariffe imposte, significherebbe "una limitazione della libertà di concorrenza che regola il mercato di riferimento".
Noi non impediamo ad alcuno di praticare prezzi liberi in concorrenza: a patto che tale concorrenza si applichi al "ribasso". Mentre Loro applicano prezzi che stranamente sono molto simili; e comunque molto alti.
In tale contesto i responsabili della Provincia e del Comune di Bergamo si sono impegnati a diffondere in modo chiaro e massiccio l'informazione riguardante gli obblighi previsti dalla Legge per la manutenzione degli impianti termici, nonché a rendersi disponibili nel produrre copie del libretto d'impianto che, ribadiamo, può essere scaricato gratuitamente dal sito Internet del CURIT REGIONALE..