Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

LA COERENZA È MERCE RARA| Episodio successo sul treno Bergamo-Treviglio delle 16.51

on .

Stavolta non scriviamo per denunciare l'ennesimo disservizio causato da Trenord o Centostazioni: segnaliamo il comportamento discutibile di alcuni viaggiatori.
Ieri, 7 luglio 2015, sul treno delle 16.51 partito da Bergamo con destinazione Treviglio in prossimità della fermata di Levate il capotreno che stava controllando la regolarità dei biglietti individuava un passeggero privo del titolo di viaggio.
Sollecitato più volte inutilmente il viaggiatore a pagare biglietto e sanzione, approfittando della fermata in corso il controllore lo invitava a scendere.
In seguito a molti tentativi rivelatisi inutili (il passeggero non voleva pagare e nemmeno scendere), il capotreno si vedeva costretto a chiamare le forze dell'ordine e conseguentemente bloccare la ripartenza del convoglio.
Alla comunicazione della temporanea sospensione del servizio hanno iniziato a farsi sentire, con toni alterati, alcuni passeggeri. Non contro l'abusivo ma nei confronti di chi stava compiendo il proprio dovere.
Diverse persone hanno iniziato a prendere di mira il capotreno sostenendo fosse esagerato fermare il treno "soltanto" perché un passeggero era sprovvisto di biglietto, si rifiutava di pagare il dovuto e, in alternativa al pagare, invitato a scendere non ne volesse sapere.
Trascorsi all'incirca 15 minuti dall'inizio della spiacevole vicenda senza che le forze dell'ordine fossero arrivate (e già questo potrebbe essere motivo di riflessione), considerato l'inasprirsi della contestazioni il capotreno per evitare ulteriori conflitti, decideva di dare il via libera alla ripartenza.
Risultato: alla stazione di Treviglio (fine corsa) chi non aveva pagato il biglietto se ne andava impunito e al capotreno non rimaneva altro da fare che "ringraziare" i contestatori per il sostegno morale dimostrato nei suoi confronti.
Al capotreno di ieri va la nostra solidarietà... nella speranza che non si arrenda al quieto vivere e continui a svolgere il proprio lavoro coscienziosamente.