Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

INFLUENZIAMO LA SICUREZZA URBANA SE CEDIAMO IL BIGLIETTO INUTILIZZATO CHE, DIETRO PAGAMENTO ANTICIPATO, CI DA’ DIRITTO ALLA SOSTA NELLE STRISCE BLU? Questa volta temiamo che si tratti soltanto della famigerata volontà di “fare cassa”

on .

Federconsumatori Bergamo contesta la scelta del Comune di Bergamo di modificare il regolamento di Polizia per introdurre la sanzione a carico di chi cede o riceve il biglietto emesso dal parcometro e non completamente utilizzato.
Federconsumatori parte dal principio che la sosta su suolo pubblico, quella autorizzata e regolamentata, sia da considerarsi un “servizio a pagamento”.
Il fatto è che con l’acquisto del biglietto otteniamo il diritto ad un dato tempo di sosta, oltre il quale, se la sosta continua, si viene multati. Se però capita di pagare più del dovuto (dato che si deve versare in anticipo su sosta presunta),… non esiste alcun risarcimento.
Già questo prefigurerebbe la condizione di un “contratto asimmetrico” dove le parti non fruiscono di uguali diritti/doveri; se inoltre si è sanzionati e additati di influenzare la sicurezza urbana con il nostro comportamento, forse siamo all’eccesso opposto del presunto buonismo di cui l’Amministrazione viene spesso accusata.
Se il fine della scelta è quello di allontanare i questuanti molesti, non serve contrastare lo scambio dei “ticket”, si devono adottare gli allontanamenti. Non si vede infatti la differenza tra l’essere infastiditi in zone dove non c’è parcheggio e zone dove si parcheggia a pagamento.