Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

INCONTRO CON LA COOPERATIVA LEGLER SULLO STATO DEI LAVORI DEL PIANO INDUSTRIALE ECONOMICO/FINANZIARIO IN CONTINUITÀ PREVISTO DAL CONCORDATO

on .

In data odierna si è tenuta presso la sede di Confcooperative Bergamo un incontro fortemente voluta dall’associazione Federconsumatori Bergamo nonché dal Comitato dei creditori: l’associazione era presente unitamente ai propri consulenti legali.
Per la Cooperativa hanno preso parte all’incontro il Presidente Roberto Baroni, due Consiglieri di Amministrazione nonché i professionisti che assistono la procedura dr. Federico Clemente, commercialista, e avv. Dario Donadoni.
L’incontro è stato moderato dal Presidente di Confcooperative Bergamo, dr. Giuseppe Guerini.
Gli argomenti di maggior rilievo e interesse possono essere così sintetizzati:

  1. Approvazione bilancio 2017: il Consiglio di Amministrazione approverà in data 24 Maggio p.v. il bilancio che verrà depositato presso la sede sociale il successivo 9 Giugno. La cooperativa si è resa disponibile ad inoltrare lo stesso ai soci che ne facciano richiesta. Sono state rese note anche le date di convocazione.
  2. I termini della procedura di concordato preventivo in bianco: è stata chiesta al Tribunale di Bergamo una proroga di altri due mesi del termine per il deposito del piano nonché della relazione, precedentemente fissato per legge per il giorno 8 GIUGNO p.v.; Di conseguenza, presumibilmente il Tribunale di Bergamo si esprimerà sull’ammissione del concordato intorno alla metà del mese di settembre 2018 e, pertanto, l’adunanza dei creditori verrà convocata per il mese di gennaio/ febbraio 2019.
    Il piano, nonché la relazione del Commissario Giudiziale sarà, quindi, disponibile per la consultazione a partire da 45 giorni prima dell’adunanza di cui sopra.
  3. Orizzonte temporale dell’esecuzione del piano di concordato preventivo: nell’incontro è stato indicato, come termine ipotizzabile della procedura, necessario quindi per portare a termine la liquidazione dei beni immobili di cui sopra, il periodo di anni 5. Nel frattempo ai creditori chirografari saranno pagati dei riparti a parziale e temporanea copertura del debito.
    Ricordiamo, inoltre, che la procedura in esame prevede la possibilità di suddividere i creditori in relative classi: i professionisti incaricati dalla cooperativa hanno affermato che, presumibilmente, i creditori chirografari, verranno suddivisi in tre gruppi.
    Il primo, quello dei soci prestatori (coloro che detengono i libretti di risparmio) il cui credito complessivo ammonta ad € 9.600.000,00; il secondo rappresentato dai fornitori i cui crediti corrispondono ad € 2-3.000.000,00 e, il terzo ed ultimo gruppo, che rappresenta i creditori “vari” tra i quali gli istituti di credito per un importo di circa 1.900.000,00 che portano ad un ammontare complessivo dei crediti chirografari di € 14.500.000,00. Si precisa, inoltre, sebbene gli stessi non possano esprimere il proprio voto in ordine alla proposta di concordato preventivo che, i crediti privilegiati ammontano a complessivi € 3.900.000,00.

Federconsumatori Bergamo continuerà a monitorare gli eventi relativi alla procedura di concordato. Saremo attenti e daremo conto di tutte le relazioni periodiche depositate presso la cancelleria del Tribunale di Bergamo.