Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

I DISERBANTI USATI DA APRICA ALL’INTERNO DEL PARCO DEI COLLI SONO COMPATIBILI CON L’AGRICOLTURA BIOLOGICA?

on .

Federconsumatori segnala che, mentre nella Valle di Astino (Parco dei Colli) si promuove un tipo di coltivazione con "stringente metodo biologico"... nella medesima zona si usano diserbanti chimici per eliminare le erbacce dall'acciottolato che fa da pavimentazione scendendo da via Sudorno sino al Monastero per proseguire sino a Longuelo .
La questione è nata in seguito all'esposto di un nostro Associato, il quale ha denunciato segni di sofferenza e deperimento di siepi, arbusti e piante (sino a che 4 di queste sono seccate) dopo che era stato effettuato il diserbo della strada a monte della proprietà
Segnalato il fatto ai responsabili locali di Aprica, abbiamo avuto in risposta :

  • "come da prassi consolidata, peraltro espressamente prevista dal vigente "Regolamento Comunale per la disciplina dei servizi di gestione dei rifiuti solidi urbani ed assimilati" (Art 15 lettera A) Aprica provvede regolarmente all'attività di diserbo sull'intero territorio della Città di Bergamo;
  • su richiesta del Corpo Forestale dello Stato, Aprica ha provveduto a fornire tutte le indicazioni circa le modalità d'intervento e sul prodotto impiegato;
  • la notte del 14 agosto u.s. l'intervento con "mezzo dedicato con cisterna e sistema d'irrorazione automatica" è stato svolto seguendo le modalità ed i criteri adottati da molti anni a questa parte;
  • da approfondimenti svolti in merito alle caratteristiche e proprietà del diserbante si esclude che lo stesso possa aver provocato quanto denunciato dal Vostro cliente."

Stante le certezze di Aprica, una prima considerazione è che potrebbe trattarsi di un equivoco e non sia successo nulla... a parte le piante morte e rinsecchite.
Oppure, come pensiamo noi, qualcosa è successo.
Potrebbe trattarsi di un "incidente" dovuto a impreviste condizioni meteorologiche successive all'irrorazione, oppure al tipo di diserbante che a concentrazioni diverse potrebbe generare effetti non desiderati; o altro ancora...
In attesa di capire il motivo per cui si è verificato quanto è stato evidenziato riteniamo auspicabile un intervento dell'Amministrazione comunale e dei Responsabili del Parco dei Colli al fine di approfondire la questione e perché, nel dubbio diano ad Aprica indicazioni utili a evitare l'uso di diserbanti in prossimità di colture.