Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

FALLITA LA SOCIETÀ DI VENDITA DEI DIAMANTI: CHE FARE?

on .

Federconsumatori Bergamo informa che il 15.1.2019 il Tribunale di Milano ha pubblicato la sentenza n. 43/2019 con la quale ha dichiarato il fallimento in proprio della società Intermarket Diamond Business S.p.A. -meglio conosciuta come I.D.B. S.p.A.- con sede legale in Milano, piazza della Repubblica, 32.
La nota società è rimasta coinvolta nella vendita dei diamanti da investimento attraverso il canale bancario; tra gli istituti di credito coinvolti vi sono il Banco BPM S.p.A., Intesa San Paolo S.p.A., Monte dei Paschi di Siena S.p.A. e Unicredit S.p.A. con i quali l’associazione ha intavolato molteplici trattative per il riconoscimento, in favore dei propri associati, dei danni dalla vendita delle predette pietre.
A coloro i quali si sono rivolti a Federconsumatori era già stato chiarito di richiedere in restituzione le pietre. Pietre che, in molti casi, non sono state ancora riconsegnate.
A chi ad oggi non ha la disponibilità dei propri diamanti perché custoditi presso i caveaux della fallita IDB suggeriamo di prendere contatti con Federconsumatori, nel minor tempo possibile, al fine di redigere apposita istanza da depositarsi a mezzo di posta elettronica certificata entro il termine perentorio di giorni trenta dalla data dell’adunanza e, pertanto, entro e non oltre l’8.3.2019 con avvertimento che, le domande depositate oltre il predetto termine, saranno considerate tardive.