Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

DAL 20 FEBBRAIO 2017 BANCA POPOLARE DI BERGAMO DIVENTERÀ UBI BANCA S.p.a. Effetti collaterali per chi ha attivo il servizio di “addebito diretto in conto”. La Banca e il Servizio Tributi del Comune di Bergamo non dialogano

on .

I clienti di UBI Banca Popolare di Bergamo stanno ricevendo comunicazione dell’avvenuta operazione di fusione per incorporazione di Banca Popolare di Bergamo nella capogruppo UBI Banca S.p.a. Operazione che, tra l’altro, comporta la variazione delle coordinate IBAN di conto corrente.
A questo proposito la Banca raccomanda, a chi avesse attivo il servizio di “Addebiti diretti in conto”, di indicare il nuovo IBAN sui mandati (autorizzazioni permanenti di addebito in conto) sottoscritti a partire dal 20 febbraio 2017.
La Banca provvederà d’iniziativa a comunicare le coordinate del nuovo IBAN ai beneficiari di addebiti diretti in essere sul Conto alla data di fusione (ad esempio quelli delle bollette per luce, acqua, gas, telefono e per carte di credito). Viceversa, per il beneficiario Comune di Bergamo, dovranno essere i titolari del conto e relativa autorizzazione in essere all’addebito, a comunicare al Comune medesimo il nuovo IBAN “alla prima occasione utile”. Perchè?
Questa diversa procedura, per altro incomprensibile, causerà evidenti disagi ai correntisti che volessero attenersi alle indicazioni ricevute.
Come fare per comunicare al Comune le mutate coordinate IBAN?
Recarsi presso gli uffici comunali a compilare il modulo predisposto e farlo protocollare? Andare negli uffici di A2A in via Suardi per le medesime operazioni? Spedire i nuovi dati tramite Posta Elettronica Certificata?
Federconsumatori, in attesa della “prima occasione utile”, consiglia di non affrettarsi a perdere tempo e denaro per fare quello che dovrebbe essere fatto automaticamente.
Aspettiamo che Comune e UBI BANCA si parlino, individuino la soluzione al problema e si scambino le informazioni come già accade tra Banca e gestori dei vari servizi.