Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

BUONI FRUTTIFERI POSTALI EMESSI TRA L’ANNO 1981 E METÀ 1986. RENDIMENTO DIMEZZATO SENZA COMUNICAZIONE AI RISPARMIATORI. DALLA CORTE DI CASSAZIONE A SEZIONI UNITE SENTENZA SFAVOREVOLE

on .

Federconsumatori Bergamo informa tutti i risparmiatori in possesso dei buoni postali fruttiferi ordinari di durata trentennale serie O e P sottoscritti tra gli anni 1981 e la prima metà dell’anno 1986 che, in data 11.2.2019, è stata emessa dalla Corte di Cassazione a SS. UU. la decisione n. 3963/2019 che ha rigettato il ricorso di un risparmiatore palermitano.
Con la decisione sopra menzionata sembrerebbe definita, in modo non favorevole per il risparmiatore, l’annosa vicenda nella quale l’associazione e i propri legali di riferimento hanno creduto e per la quale, si auspicava ad un risultato favorevole sussistendone tutti i presupposti; infatti si precisa che, il procedimento patrocinato dal nostro legale di riferimento che vedeva fissata udienza pubblica avanti, anch’essa alle SS.UU. della Suprema Corte per il giorno 12.2.2019, è stato dichiarato estinto per rinuncia al ricorso da parte di Poste Italiane s.p.a. Tale situazione lascia, di certo, l’amaro in bocca!
In ogni caso, l’associazione sta lavorando per comprendere quali possano essere i passi successivi sempre nell’ottica di tutelare al meglio il risparmiatore e di portare avanti una battaglia che ci ha visti coinvolti sin dall’inizio.
Precisiamo infine come i buoni postali fruttiferi emessi post D.M. 13.6.1986, serie Q/P e Q, non sono coinvolti dalla decisione richiamata, anzi per tali titoli vale la sentenza, favorevole al risparmiatore, emessa sempre a SS.UU. e rubricata al n. 13979/2007.