Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

BANCA POPOLARE DI VICENZA – VENETO BANCA| Dopo la transazione che fare?

on .

I termini fissati per l’OPT (Offerta Pubblica di Transazione) relativa alle Banche Popolare di Vicenza e Veneto Banca sono scaduti. Detta offerta ha ottenuto il 73% delle adesioni per Veneto Banca e il 71,90% per Banca Popolare di Vicenza. Ancorché le percentuali di adesioni ottenute siano inferiori a quelle indicate come soglia minima necessaria per il perfezionamento della transazione offerta, i due istituti di credito hanno già dato il via ai rimborsi.
Per tutti coloro che hanno deciso di non aderire all’offerta di transazione Federconsumatori dichiara la disponibilità ad offrire la consulenza e l’assistenza, sia delle proprie strutture interne sia dei propri legali, per ottenere la tutela dei diritti degli azionisti dei due istituti di credito.
In un incontro tenutosi nella giornata di mercoledì 3 maggio u.s. presso la sede regionale veneta di Federconsumatori, con la partecipazione del Presidente e dei componenti della Consulta Giuridica Nazionale di Federconsumatori e dei numerosi legali delle strutture territoriali venete nonché dei legali di Federconsumatori Bergamo, sono state approfondite le tematiche giuridiche relative ai comportamenti gravemente scorretti tenuti dai due istituti di credito: comportamenti che hanno già provocato decisioni favorevoli al risparmiatore da parte dell’Autorità Giudiziaria nonché provvedimenti fortemente sanzionatori da parte della CONSOB.
Nel corso del citato convegno, è stata chiarita la possibilità di tutela dei risparmiatori sia davanti all’Arbitro per le Controversie Finanziarie (ACF) istituito dalla CONSOB con la Delibera nr. 19602-2016 operativo dal 9 gennaio 2017sia avanti l’Autorità Giudiziaria.
Vi invitiamo pertanto a contattare la struttura territoriale di Bergamo di Federconsumatori per l’approfondimento di dette tematiche mediante l’esame dei singoli casi. Per tale occasione è indispensabile che i risparmiatori consegnino la documentazione ricevuta a seguito del reclamo inviato.