Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

Attenzione prima di aprire la porta a degli sconosciuti e a cosa si firma

on .

Federconsumatori Bergamo invita i Cittadini a porre la massima attenzione a qualunque richiesta sia Loro fatta, da parte di sconosciuti, di mostrare le bollette del gas, dell'energia elettrica e delle telecomunicazioni.
In questi giorni assistiamo alla rinnovata offensiva portata da soggetti che propongono di cambiare gestore e passare a Sorgenia; società di distribuzione di energia elettrica e gas.
Non ci sarebbe nulla da eccepire sul diritto di un'Azienda a proporsi come gestore di servizi liberalizzati, se non fosse che alcuni "agenti" troppe volte cercano di introdursi in casa nostra con l'inganno.
Si dicono incaricati di verificare le ultime bollette pagate, appunto per luce e gas, millantando presunti crediti che si aggirano tra gli 80 e i 150 euro, perché conterrebbero dei costi impropri che si potrebbero recuperare.
Una volta acquisiti i codici dei contratti in essere (codici stampigliati sulle bollette) è gioco facile, col miraggio di vantaggi economici, far trasferire i contratti da un Gestore all'altro facendo sottoscrivere un nuovo contratto: il più delle volte "passando" dal mercato tutelato a quello libero.
Federconsumatori denuncia il malcostume dilagante e ricorda che si può sempre esercitare il diritto di recesso entro 10 giorni lavorativi da quando il contratto è stato firmato.
Se non si è firmato alcun contratto ma ci si ritrova "clienti" di un Gestore a nostra insaputa e non vogliamo esserlo, il suggerimento è: all'arrivo della prima bolletta anomala disconoscere il contratto e chiedere di rientrare con il Gestore precedente.
In ogni caso Federconsumatori Bergamo mette a disposizione i propri sportelli per spiegare cosa fare e per aiutare chi ne avesse la necessità.