Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

A BERGAMO NOVITÀ SULLA GESTIONE DELLE STRISCE BLU. AUTOMOBILISTI SEMPRE PIÙ TARTASSATI.

on .

DA LUNEDÌ PROSSIMO SARÀ OBBLGATORIO INSERIRE LA TARGA SUL BIGLIETTO DI PAGAMENTO DEL PARCHEGGIO SU STRADA PUBBLICA CON PROIBIZIONE DI CESSIONE A TERZI DEL BIGLIETTO IN CASO DI “TEMPO PAGATO MA NON FRUITO”
A DETTA DEI PROMOTORI DELL’INIZIATIVA QUESTO NUOVO DIVIETO DOVREBBE RISOLVERE IL DISAGIO LEGATO ALLA PRESENZA DEI PARCHEGGIATORI ABUSIVI CHE FANNO COMMERCIO DEI TAGLIANDI ANCORA VALIDI.
Federconsumatori Bergamo ritiene che la decisione di obbligare gli automobilisti a inserire sul biglietto del parcometro il numero di targa del veicolo parcheggiato, al fine di debellare la presenza di parcheggiatori abusivi, sia l’ennesima dimostrazione della “difficoltà” per alcuni Amministratori locali a risolvere i problemi senza penalizzare i Cittadini incolpevoli.
A nostro parere l’unico risultato che verrà conseguito sarà di spremere ulteriormente coloro i quali, in gran parte, sono costretti all’uso del mezzo privato per muoversi liberamente in città.
I Cittadini non potranno più ricevere il credito ceduto dall’automobilista precedente e saranno sempre costretti ad acquistare un altro biglietto. Intanto i parcheggiatori abusivi presidieranno come prima le vicinanze alle strisce blu. Ma si limiteranno a indicare il posto libero, a proporsi quali custodi delle nostre auto incustodite e offrire cianfrusaglie.
Nel frattempo continuerà la speculazione ai danni di chi pagherà in contanti o con carta di credito. In questi casi si continuerà a spendere e non recuperare i “resti” non goduti del pagamento preventivo: fatto tenendo conto del rischio di commettere infrazione se si superano i tempi di sosta pagati, oppure i limiti di sosta consentiti. Pericolo questo che non corrono coloro i quali pagano la sosta attraverso l’applicazione ATB MOBILE.
Sempre parlando di iniquità, vorremmo si spiegasse ai cittadini cosa impedirebbe di attendere il tempo necessario a introdurre le nuove regole quando sarà possibile applicarle contemporaneamente su tutti i parcheggi e relativi parcometri. Compresi quelli posizionati in Città Alta.