Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

LE CONDIZIONI SOCIALI DELLA POPOLAZIONE NELLA PROVINCIA DI BERGAMO. La ricerca di IRES-CGIL Bergamo

BERGAMO

Le fonti di reddito dei bergamaschi, l’accesso ai servizi socio-sanitari e sanitari, le risorse di conoscenza (capitale umano), i contraccolpi della crisi sul mercato del lavoro provinciale, la frammentazione istituzionale: una ricerca Ires-CGIL dedicata alla composita realtà socio-economica della Bergamasca.
Lo studio, dal titolo “Le condizioni sociali della popolazione nella provincia di Bergamo” (novembre 2017), è a cura di Francesco Montemurro e Valerio Porporato di Ires-Morosini (associazione no profit creata da studiosi, sindacalisti e operatori sociali, fondata nel 1982 per volontà della CGIL) e con il coordinamento di Giovanni Peracchi, segretario generale della CGIL di Bergamo.
Caratterizzata, storicamente, come un’area dalle elevate performance, con alta capacità produttiva, bassa disoccupazione e un sistema vivace di relazioni industriali, la provincia di Bergamo recentemente sembra aver perso terreno nel contesto europeo, a partire dagli anni 2000, mostrando una crescita bassa della produttività, una scarsa capacità di sviluppo del capitale umano e un peggioramento degli indicatori del mercato del lavoro (OECD, 2016). E tuttavia, il sindacato pensa che con l’aggancio dei primi segnali della ripresa e un ormai non più prorogabile cambio di passo nel portare a sintesi tutte le componenti del complesso sistema sociale, demografico e territoriale in senso lato, oggi sia ancora possibile cambiare la tendenza e crescere anche in qualità.
Da queste considerazioni ha preso avvio lo studio. Si partirà dalla “riconfigurazione territoriale” della provincia che vede i Comuni della cintura congiungersi con il Comune capoluogo, quasi come un unico sistema urbano, definito come la “Grande Bergamo” o "Sistema Bergamo", si proseguirà parlando di frammentazione istituzionale e trasformazioni socio-demografiche fino all’analisi della struttura delle fonti di reddito (dichiarata abbastanza atipica rispetto al quadro medio regionale e interessante dal punto di vista delle disuguaglianze di genere) e delle caratteristiche del mercato del lavoro provinciale.

LA RICERCA INTEGRALE - LA SINTESI