Questo sito web utilizza i cookie al fine di migliorarne la fruibilità. Continuando ad usufruire di questo sito, l'utente acconsente ed accetta l'uso dei cookie.

“INSIEME SENZA MURI”, ANCHE LA CGIL DI BERGAMO ALLA MANIFESTAZIONE DI MILANO PER I DIRITTI DI MIGRANTI E RIFUGIATI

20MAGGIO

Anche la CGIL di Bergamo aderisce e partecipa alla manifestazione del 20 maggioa Milano “Insieme senza muri”, indetta da numerose associazioni impegnate nella tutela e nella difesa dei diritti dei cittadini migranti e dei rifugiati.

La CGIL provinciale mette a disposizione un autobus per un gruppo di richiedenti asilo che partirà dal piazzale dell’ex Gleno. L’iniziativa a Milano prenderà il via alle ore 14.30 da Porta Venezia. L'arrivo è previsto in piazza del Cannone dopo circa un'ora di percorso.

“Condividiamo la necessità di una riforma del Testo Unico sull’immigrazione e – con essa – di istituti normativi obsoleti come l’attuale legge sulla cittadinanza, la cui revisione è ormai urgente ed improrogabile” dice una nota congiunta di CGIL, CISL e UIL della Lombardia. “Altrettanto stringenti sono i temi inerenti l’accoglienza e l’inclusione, che vanno garantite in maniera dignitosa e diffusa. Vogliamo inoltre ribadire la nostra contrarietà alle leggi Minniti-Orlando in materia immigrazione e sicurezza, approvate recentemente dal Parlamento. Come già abbiamo denunciato in più occasioni, riteniamo che questi provvedimenti rappresentino un passo indietro sul piano dei diritti civili, in quanto ledono il diritto alla difesa individuale e ‘schermano’ dietro i temi del ‘decoro urbano’ e della sicurezza la criminalizzazione della povertà e della marginalizzazione sociale che oggi colpiscono milioni di persone nel nostro Paese. Questo per noi è inaccettabile. Chiediamo che vengano abrogati questi provvedimenti lesivi dei diritti, riaffermando i grandi valori della nostra Carta costituzionale basata su diritti di cittadinanza universali, contro ogni forma di discriminazione diretta o indiretta, e per una maggiore coesione sociale. Da anni CGIL, CISL e UIL si adoperano con numerose iniziative per la difesa della dignità umana dei migranti e dei rifugiati. Crediamo che questi temi debbano essere messi al centro dell’agenda politica”.

L'appello “Insieme senza muri”
www.20maggiosenzamuri.it
“Il 20 la città di Milano maggio sarà attraversata da una mobilitazione festosa e popolare. Una mobilitazione carica di speranza.
La speranza di chi crede nel valore del rispetto delle differenze culturali ed etniche.La speranza di chi ritiene che la società plurale sia un'occasione di crescita per tutti e che la logica dei muri che fomentano la paura debba essere sconfitta dalle scelte che pongono al centro la forza dell’integrazione e della convivenza.
Quelle scelte che, a cominciare dall'Europa, sconfiggano il vento dell'intolleranza e che mettano al centro il principio dell’incontro tra i popoli e di un futuro fondato sul valore della persona senza che la nazione d'origine, la fede professata, il colore della pelle possano diventare il pretesto per alimentare nuove discriminazioni.
Quelle scelte che, a livello nazionale, ci portino a compiere, senza ambiguità, passi avanti reali, come l’effettivo superamento della Legge Bossi Fini, l’approvazione della Legge sulla cittadinanza, la necessità di rafforzare un sistema di accoglienza dei migranti fondato sul coinvolgimento di tutte le comunità e le istituzioni, la trasparenza, la qualità, il sostegno ai soggetti più fragili (i minori, le donne, i vulnerabili), la cultura dei diritti e della responsabilità.
Milano è nata dall’incontro tra storie diverse e il suo sviluppo si è fondato, nei suoi momenti migliori, proprio sulla capacità di accogliere le diversità e di alimentare la coesione sociale.
E come Milano, in svariati luoghi del mondo, chi crede nella società aperta, e non si fa incantare dalle sirene dell’odio, scommette con più certezza sulla propria crescita e sulla capacità di generare lavoro, benessere ed opportunità.
Anche per questo il 20 maggio, in un giornata di impegno, musica, creatività, cultura, saremo in tante e in tanti. Perché, nel tempo in cui viviamo, sono in gioco i valori fondamentali per il futuro di tutti”.