Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

DIFENDERSI DALLE BUFALE, LA CAMPAGNA CGIL CONTRO LE FAKE NEWS

0-Fake-news-kaPF--835x437@IlSole24Ore-Web.jpg

Fidarsi, non fidarsi, crederci o no: per iniziare a capire i meccanismi di creazione e diffusione delle bufale in rete, per vedere come funzionano il fact checking e la verifica di un’immagine o di un video, ma anche per avere un’idea di base della psicologia del comportamento umano in rete, la CGIL di Bergamo e l’associazione PROTEO organizzano una campagna informativa contro fake news e manipolazione delle notizie.

L’iniziativa si articola in una proposta rivolta alle scuole secondarie di primo e secondo grado della nostra provincia, con il ciclo di incontri che ha per titolo: “Come sopravvivere alle fake news (o almeno provarci)”, e in un corso on line pensato per i lavoratori della sanità pubblica e privata, che ha per titolo: “Post-verità e fake news nella sanità: l’informazione malata”.

“L’obiettivo finale è quello di sviluppare senso critico nella lettura delle informazioni” spiega Mara D’Arcangelo, curatrice del progetto per PROTEO. “Cerchiamo di promuovere su vasta scala la lotta alla disinformazione e alle fake news in campo politico e sociale ma anche medico-scientifico. Nelle scuole il programma prevede due incontri di due ore ciascuno. Si parlerà di disinformazione in rete partendo da esempi pratici e prendendo come riferimento la principale letteratura sul tema. L’intento è di fornire ai ragazzi gli strumenti base per navigare con maggiore consapevolezza sul web affinando la capacità critica e imparando a riconoscere le informazioni false o fuorvianti”.

La campagna è appena stata avviata, ma hanno già aderito all’iniziativa le classi terze dell’I.C. Savoia di Bergamo, le classi quarte e prime dell’istituto Engim Lombardia, le classi quinte del Liceo linguistico Simone Weil di Treviglio e le classi terze dell’IIS Serafino Riva di Sarnico.

“Gli incontri finora realizzati hanno riscontrato l’interesse e il favore di docenti e studenti per una tematica che li riguarda in prima persona, vista la pervasività di informazioni scorrette o lacunose sui social e in generale nel web” prosegue la formatrice. “Particolare interesse hanno suscitato le strategie per difendersi dalle notizie false e il digital marketing che si nasconde dietro un semplice link o condivisione di un post”.

Mara D’Arcangelo è laureata in Filosofia all’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ha conseguito un Master in International Journalism presso la City University di Londra. Ha lavorato come giornalista e condotto laboratori in diverse scuole della bergamasca e fuori provincia. Collabora con l’associazione PROTEO per la programmazione e la gestione della Formazione Continua.

Il programma dettagliato degli interventi nelle scuole:

  1. Riconoscere le notizie vere da quelle false: chi è in grado?
  2. Il termine “fake news” e breve storia della menzogna (esempi di disinformazione nella storia nei vari ambiti)
  3. I meccanismi di creazione e diffusione delle bufale
  4. Psicologia del comportamento umano in rete: il bisogno di appartenenza e realizzazione sociale
  5. Dissonanza cognitiva, mantenere coerenza con le proprie idee—echo chambers confirmation bias
  6. La sovrabbondanza comunicativa permanente, velocità e distrazione, titoli altisonanti e opinioni forti, generalizzazioni, semplificazioni e selezione astrattiva, pensiero dicotomico, catastrofico, emozionale.
  7. La medicina in rete: il metodo scientifico di Galilei VS la velocità di un click. Alcuni dati su chi si informa in rete e come. Analfabetismo scientifico e sfiducia nella medicina
  8. Informarsi in rete: Valutare, capire la provenienza e verificarne la veridicità delle fonti
  9. Motori di ricerca: come funzionano? (SEO, Google ADV) parole chiave rilevanti, selezione della fonte, non fermarsi alla prima pagina, siti affidabili
  10. Verificare un’immagine o un video: Perché foto e video sono postati o inseriti negli articoli online?
  11. Fact checking e debunking: “Come fai a saperlo?”
  12. Strategie della manipolazione e l’arte di costruire ragionamenti validi (metodo socratico, logica classica deduzione, induzione, principali fallacie)

Per informazioni o per prenotare la partecipazione, scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.