Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

CONTRO LA VIOLENZA FACCIAMO TUTTI LA NOSTRA PARTE| Convegno il 3 dicembre

CONVEGNO DONNE 3DICEMBRE2019

Nell’ambito delle iniziative organizzate in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne che si è celebrata il 25 novembre scorso, martedì prossimo, 3 dicembre, CGIL, CISL e UIL con le associazioni “Aiuto Donna” e “La Svolta”, organizzano l’incontro “Contro  la violenza facciamo tutti  la nostra parte”. L’iniziativa, che si terrà dalle ore 9.00, in via Sora, nell’auditorium Ermanno Olmi, ha il patrocinio del Comune di Bergamo, della Provincia e della Consigliera di parità provinciale.

“Storicamente la lotta per la parità di genere non si collega a una singola organizzazione, né a una singola femminista, ma è il risultato degli sforzi collettivi di chi si è battuto per i diritti umani e delle donne” dicono le organizzatrici Luisella Gagni della CGIL, Katia Dezio della CISL e Rossella Buccarello della UIL di Bergamo. “Ciascuno, nessuno escluso, deve fare la propria parte, fare la differenza. Il nostro ruolo come organizzazioni sindacali va ben oltre la tutela sui luoghi di lavoro. Dobbiamo essere promotrici di cambiamento, contribuendo a liberare le donne (e anche gli uomini) da paure e da stereotipi”.

La violenza contro le donne è un “fenomeno esteso, sommerso e sottostimato. Interessa ogni strato sociale, economico e culturale. Senza differenze di età, religione, etnia. I luoghi più pericolosi continuano ad essere la casa e gli ambienti famigliari. La violenza contro le donne incide gravemente sul loro benessere fisico e psicologico” proseguono le tre sindacaliste che aggiungono: “Le violenze a sfondo sessuale crescono del 5,4% rispetto al 2017 e del 14,8% rispetto al 2014; il 26% delle violenze a sfondo sessuale, pari a 1.132 casi, riguarda donne minorenni. Il reato di stalking ha raggiunto le 15 mila denunce nel 2018: il valore più alto dal 2014. La violenza psicologica e di “dipendenza economica” dal partner interessa il 23,3 % delle donne”.

In Italia nel 2018 sono state uccise 142 donne. “Il dato è in crescita dello 0,7%” concludono le sindacaliste. “119 di queste sono state uccise in famiglia (+6,3%), una percentuale mai registrata prima. I moventi principali sarebbero la gelosia e il desiderio di possesso: come fare un salto nel passato di almeno un secolo”.

Al convegno di martedì 3 dicembre interverranno:

-Luisella Gagni della segreteria della CGIL di Bergamo, con delega di genere
- Rossella Buccarello, segretaria della UIL di Bergamo
-Marzia Marchesi, Assessore Pari Opportunità del Comune di Bergamo;
-Marcella Messina, Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Bergamo
-Romina Russo, Consigliere alla Cultura e Pari Opportunità della Provincia di Bergamo
-Isabel Perletti, Consigliera di Parità - Provincia di Bergamo
-Sara Modora dell’Associazione Aiuto Donna;
-Fabio Chiassi e Gian Arturo Rota, Associazione La svolta.
-Ivo Lizzola dell’Università di Bergamo, con una relazione dal titolo “Violenza contro le donne: la sfida culturale ed educativa”.