Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

AVVISO AI GENTILI UTENTI

La biblioteca è temporaneamente chiusa al pubblico.
Tuttavia è possibile prendere in prestito volumi e contattare il personale scrivendo all'indirizzo: mara.darcangelo@cgil.lombardia.it
Grazie.

sede e orari

La Biblioteca "Di Vittorio" ha sede presso la CGIL Bergamo in via G. Garibaldi 3/e.

....IN ATTESA DEL NUOVO

 

Per i mesi di aprile e di maggio 2021, la Biblioteca “Di Vittorio” funzionerà solo per il completamento dei lavori di riordino di fondi di archivio e di catalogazione libraria in corso.
Saremo quindi completamente chiusi al pubblico, in attesa di ripartire con chi mi sostituirà.
Un grazie di cuore a tutti e tutte coloro che hanno collaborato con la “DiVI” in questi anni, a partire da chi decise che la Cgil di Bergamo dovesse avere una Biblioteca, intitolata a
Giuseppe Di Vittorio, uno di noi, il più grande di tutti noi.


“Io vorrei aggiungere ancora qualche proposta: la prima proposta, per cercare di diffondere quanto più ci è possibile la cultura, è questa: che in tutti i capoluoghi di provincia in cui esiste un’Università popolare, tutte le organizzazioni popolari e democratiche – ed io direi in primo luogo i sindacati – debbano intervenire per potenziare al massimo queste Università popolari là dove esistono. Là dove non esistono, ad iniziativa delle associazioni popolari – ed in primo luogo dei sindacati – debbono essere create al più presto. Secondo: sviluppare al massimo grado i circoli di carattere culturale, di carattere sportivo, di carattere ricreativo, di carattere turistico, circoli in cui rientrino tutte le forme dell’arte, filodrammatiche e bande musicali, tutte le forme di attività, escursioni ecc. […] Terza condizione: dare il massimo sviluppo alle biblioteche popolari: non abbiamo biblioteche sufficienti nel nostro paese; siamo ad un livello estremamente arretrato, dobbiamo andare avanti. Perché proponiamo che ogni associazione di massa, popolare, professionale, e di ogni altro carattere abbia una biblioteca. Io mi sento qui autorizzato a rivolgermi più direttamente ai sindacati e propongo ai sindacati di un certo rilievo che ognuno di essi abbia una biblioteca, sia pur piccola, sia pur modesta, che si facciano circolare i libri fra i lavoratori, che si susciti in tutti il gusto del leggere, del coltivarsi, del sapere. Ecco un’iniziativa che dobbiamo prendere: e si organizzino non soltanto nei capoluoghi di regione, nelle grandi città o nelle città di maggior rilievo le nostre biblioteche. Bisogna moltiplicare le mostre anche nelle piccole località. Facciamolo questo sforzo. Sotto questo aspetto rivolgo un appello ai nostri artisti: andiamo più in fondo, tra il popolo e andiamo anche nei piccoli centri, nella misura del possibile, perché più porteremo a portata di mano la possibilità di accesso alla cultura, al bello, alle varie espressioni dell’arte, più noi contribuiremo ad elevare il nostro popolo e ad interessarlo ai problemi dell’arte e della cultura […].
Dal discorso di Giuseppe Di Vittorio al Congresso della cultura popolare, Bologna 1953. http://www.strisciarossa.it/di-vittorio-per-una-cultura-nazionale-cioe-profondamente-popolare/

Bergamo, marzo 2021                                                 Eugenia Valtulina

125

Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non opere derivate 3.0 Italia.

Creative Commons License