Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

NOTIZIE

BANDO RESTAURATORI: E’ aperta la procedura del Bando per la Qualifica di Restauratore che si può compilare on line all'indirizzo: https://ibox.beniculturali.it

Avete tempo fino al 30 Ottobre alle ore 12, ma non è certo il caso di aspettare gli ultimi giorni !!!

Nella procedura c'è una scheda da compilare "ATTI" che obbliga ad inserire tutti i dati relativi all'intervento di restauro che sono (teoricamente) in possesso delle Soprintendenze e delle imprese che hanno avuto l'incarico del lavoro di restauroIl fatto che siano obbligatori fa sì che la domanda non possa procedere e completarsi finchè non vengono inseriti. Di conseguenza, se non li si ha, si rischia di non poter inviare la propria domanda di qualifica.

Il 16 settembre, come organizzazioni sindacali Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil, avremo un incontro con il Ministero (MIBACT) e contiamo di portare le problematiche che ad oggi stanno emergendo e prima tra tutte questa della obbligatorietà della sezione "Atti".

Altri aspetti utili da sapere sono:

  • valgono i lavori fatti e conclusi entro il 31 dicembre 2014, e non quelli del 2015;
  • non è più essenziale allegare la dichiarazione del datore di lavoro, ma possono bastare anche i contratti stipulati per i diversi lavori; l'importante è che però riportino chiaramente l'opera ed il tipo di intervento da attuare/attuato sul bene;
  • nel caso abbiate lavori fatti alle dipendenze, ma sottoinquadrati (cioè con un livello operaio come 1° e 2° edilizia), propendete piuttosto ad inserire la dichiarazione del datore di lavoro sulla realizzazione del lavoro di restauro, perché in questo bando quello che conta è la responsabilità diretta nell'intervento, che non può essere provata con livelli così bassi di inquadramento; riguardo alla domanda, sappiate che si tratta di una vera e propria autodichiarazione ed autocertificazione ufficiale e che la documentazione che allegherete servirà a comprovare le vostre dichiarazioni;
  • riguardo alla responsabilità diretta, trovate nella scheda "RUOLI"  non soltanto il tipo di rapporto di lavoro con cui avete realizzato l'intervento di restauro, ma dovete dichiarare se avete svolto attività di "progettazione" o di "progettazione ed intervento", secondo quanto definito nel DM 86 del 26/5/2009 (ve lo riallego); chiaramente la vostra attività di restauro, se con responsabilità diretta, prevede sia la progettazione che l'intervento, anche se la progettazione non ha una concreta documentazione ed è stata fatta in modo informale.

Se avete bisogno per la concreta compilazione della domanda, lo facciamo su appuntamento per gli iscritti Fillea, ma ci si può iscrivere in contemporanea