Questo Sito Utilizza cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione sul sito. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.

NOTIZIE

NOVEM CAR INTERIOR DESIGN DI BAGNATICA, LA FILLEA-CGIL SI CONFERMA PRIMO SINDACATO E AUMENTA LA PERCENTUALE DI PREFERENZE. Passa dal 70% al 78% dei voti

Vince nuovamente e aumenta la percentuale delle preferenze raccolte: è un ottimo risultato quello registrato dalla FILLEA-CGIL nel voto per il rinnovo delle Rappresentanze Sindacali Unitarie (RSU) di giovedì scorso alla Novem car interior design di Bagnatica.
Dei 194 lavoratori, si sono presentati alle urne in 131 (voti validi 123, 4 schede bianche e 4 nulle): la lista della FILLEA-CGIL ha ottenuto 96 preferenze, pari al 78,05%, mentre i candidati della FILCA-CISL hanno avuto 27 voti, pari al 21,95% dei voti validi. Nel 2011 le percentuali erano del 70,1% per la FILLEA e del 29,9% per la FILCA.
La nuova RSU è dunque composta da 5 rappresentanti, 4 eletti per la FILLEA-CGIL (Monica Coltura, già presente nella RSU uscente e membro della segreteria provinciale FILLEA, Ettore Porcaro e Luca Salvi, nuovi eletti, e Salvatore Silvestro, confermato) mentre per la FILCA-CISL è stata eletta Lucia Magoni (confermata).

"Il risultato che abbiamo ottenuto è davvero ottimo, con una crescita consistente che avviene a pochi mesi dalla gestione delicata del pesante taglio voluto dall'azienda lo scorso anno a maggio, con 98 esuberi sugli allora 289 lavoratori in organico" ha detto oggi Gianbattista Locatelli della FILLEA-CGIL di Bergamo. "Oltre che nel rinnovo del Premio di risultato scaduto prima dell'estate, ora la nuova RSU sarà impegnata nella trattativa per fare confermare al loro posto i lavoratori assunti a tempo determinato: si tratta di una trentina di persone licenziate nel 2013 e poco dopo riassunte con un contratto di 3 o 4 mesi. Da più di un anno lavorano in azienda in condizione di precarietà. Questa, tra l'altro, è la prova che in Italia si può licenziare (e lo si fa ogni giorno) con o senza art 18, per poi riassumere con contratti che costano di meno: si tenga conto che negli ultimi 10 anni la Novem ha perso in totale 171 lavoratori. Oggi, alla luce dei buoni risultati di fatturato del 2013 e del continuo aumento delle commesse di componenti in legno per auto di lusso, crediamo che una parte dei lavoratori a tempo determinato debba essere riassunta: si tratta di forza lavoro indispensabile per una quotidiana ed efficace organizzazione della produzione in Novem".