NOTIZIE

ITALCEMENTI, “NECESSARIA UNA PROROGA DELLA CASSA”. IL GIORNO DOPO LA LETTERA DEI PARLAMENTARI AL GOVERNO, I SINDACATI TORNANO A SPIEGARE PERCHÉ SIA MISURA URGENTE

"Senza nuovo ammortizzatore, i lavoratori licenziati a Bergamo e Piombino sarebbero 1.630"

Bergamo, 9 ottobre 2018

Dopo che ieri, 8 ottobre, i parlamentari bergamaschi e toscani di diversi partiti (Pd, Lega per Salvini, Forza Italia e Ms5) hanno scritto al presidente del Consiglio Giuseppe Conte e al ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio per chiedere la proroga di 12 mesi (dal 1° gennaio 2019) della Cassa integrazione straordinaria per i lavoratori Italcementi, oggi FENEAL-UIL, FILCA-CISL e FILLEA-CGIL provinciali ribadiscono l'importanza della misura richiesta.

Le RSU della sede Italcementi a Bergamo e le organizzazioni sindacali chiedono al governo Conte di inserire nel testo della Legge di Stabilità 2019 il provvedimento di proroga della Cassa "per evitare che la tensione sociale e sindacale si acuisca" hanno ribadito oggi Giuseppe Mancin di FENELA-UIL, Simone Alloni di FILCA-CISL e Luciana Fratus di FILLEA-CGIL di Bergamo. "L'attuale trattamento di CIGS terminerà il 31 dicembre 2018 e se non interverrà la proroga i lavoratori licenziati da Italcementi e dalle Acciaierie di Piombino sarebbero 1.630 (di cui 250 di Italcementi, a Bergamo e Calusco 190) con un forte impatto sociale sui tessuti produttivi, sociali ed economici del nostro territorio e di quello di Livorno".

"Dal 24 settembre 2015 a oggi" proseguono i sindacalisti, "la CIGS a Bergamo ha consentito l'avvio di un processo di riduzione degli esuberi non traumatico con il coinvolgimento delle istituzioni (Provincia di Bergamo), delle organizzazione sindacali e delle aziende interessate che ha permesso di ricollocare circa 65/70 lavoratori. Oggi in Cassa integrazione restano 190 lavoratori della sede centrale".

Per questa ragione i parlamentari e i senatori, condividendo le ragioni delle RSU della sede di FENEAL, FILCA e FILLEA provinciali, hanno valutato importante una proroga della CIGS che consenta un'ulteriore riduzione strutturale degli esuberi al fine di ridurre al minimo l'impatto sociale.
"La protezione sociale dei lavoratori e delle loro famiglie non è solo una questione sindacale, ma è una questione sociale, istituzionale e politica. Per questo abbiamo sempre, sin dall'inizio della vicenda, chiesto il fattivo e massimo impegno dei diversi soggetti" concludono Mancin, Alloni e Fratus.